Passa ai contenuti

Tips per organizzarsi al meglio nel nuovo anno


Con questo post ti guiderò attraverso i nostri consigli per la definizione degli obiettivi, la cura dello spazio di lavoro e la creazione di abitudini organizzative che spero possano tornarti utili. 

Sono cose di cui, qui e là, ho già parlato ma per ripartire bene, affinché questo sia davvero un buon anno, dobbiamo ricominciare dalle basi, con un piccolo recap, resettando e preparandoci a rimboccarci le maniche.

 

1. Ripensa il tuo spazio.
Sono fermamente convinta che uno spazio di lavoro che ci rappresenta possa essere di grande ispirazione, anche solo per il semplice fatto che lo viviamo per molte ore del nostro tempo e che stare in un luogo che ci piace aiuta lo starci.
L'umore incide molto sulla lucidità e per affrontare i propri obiettivi quest'ultima è necessaria.
Altra cosa che credo fermamente è che mettere e tenere in ordine sia fondamentale. Non c'è una regola sull'ordine, ognuno ha il suo ordine, ma deve esserci.
Io sono molto minimale e sono per il less is more ma magari lo spazio giusto per qualcun altr* può essere una scrivania piena e coloratissima.

Prova così:
Dai un' occhiata al tuo spazio di lavoro, che si tratti dell'ufficio di casa o di quello condiviso in cui ti rechi ogni mattina o del tavolo della cucina. Inizia pulendo la tua scrivania e scegliendo solo gli elementi essenziali, quelli che usi tutti i giorni, tenendoli a portata di mano. Gli oggetti meno usati possono essere ordinati per tipologia e riposti in un cassetto o in un armadio (i contenitori e le etichette sono i tuoi migliori amici qui). Non c'è bisogno di soluzioni di archiviazione fantasiose o per forza costose: puoi riutilizzare oggetti trovati in casa come le scatole delle scarpe, decorandole con un washi o dipingendole, applicandovi uno sticker per etichettarne il contenuto.
Dare ad ogni cosa un suo posto aiuta la chiarezza mentale e riduce al minimo le distrazioni.

2. Fai un pò di detox digitale.
Non è un segreto che alcune delle aree più disorganizzate (e fonte di distrazione) della nostra vita risiedano nei nostri telefoni e computer. Che si tratti di un elenco in continua crescita di e-mail vecchie e non lette, di una memoria piena di foto, centinaia di file sul tuo desktop o app inutilizzate e notifiche eccessive, tutto questo disordine digitale può rallentarci, stressarci e rendere inutilmente complicato trovare ciò di cui abbiamo bisogno.

Alcuni suggerimenti:

  • Tieni in ordine i tuoi dispositivi: segna in agenda un orario prestabilito una volta alla settimana per eliminare le e-mail, esaminare le nuove foto della settimana passata e organizzare download e file. Anche 10 minuti alla settimana possono avere un enorme impatto sulla tua chiarezza mentale quando arriva il momento di trovare quell'importante email.
  • Rivaluta le tue notifiche: le notifiche digitali possono essere utili nel giusto contesto, ma la maggior parte serve solo a distrarci dal lavoro importante. Prendi in considerazione la possibilità di disattivare tutte le notifiche sul telefono e sul desktop e, invece, impostare un orario dedicato, un punto sulla tua to do list giornaliera in cui guardare le notifiche, le email, le varie app e i social. Datti un tempo e rispettalo.
  • Fai una prova, per un giorno stai lontano dal tuo telefono o dalle piattaforme dei social media e vedi come va la tua produttività, questo ti aiuterà a prendere coscienza di ciò che è essenziale e ciò che si può classificare come non necessario e ti aiuterà a riformulare ciò che è possibile quando le distrazioni vengono eliminate.
    Io l'ho fatto ed è stato illuminante.

3. Obiettivi VS buoni propositi
Ne parlavo in un post proprio l'altro giorno: non c'è niente come un nuovo inizio e il senso di possibilità che arriva con un nuovo anno, poiché le opportunità per un nuovo stile di vita, prospettive o abitudini diventano giustificate.
Tuttavia, è anche facile che un proposito irraggiungibile per il nuovo anno si traduca rapidamente in scoraggiamento e delusione. La soluzione? Ai buoni propositi io preferisco gli obiettivi che possono essere suddivisi in step attuabili e raggiungibili. I buoni propositi potrebbero fallire non perché ti manca la forza di volontà, ma piuttosto perché l'obiettivo prefissato è troppo vago, non stimolante o privo di chiari passaggi.

Prova a utilizzare lo strumento di gestione del progetto SMART, per scegliere il tuo prossimo obiettivo.
SMART è l'acronimo di SPECIFIC, MEASURABLE, ACHIEVABLE, RELEVANT, TIME-BASED 

  • Specifico: qual è l'obiettivo e quali passi devono essere compiuti per raggiungerlo?
  • Misurabile: devi poter monitorare i tuoi progressi. Come? Ad esempio tramite uno strumento come un tracker delle abitudini, che permette di scattare un'istantanea dei progressi, permettendoci di festeggiarli e aggiustarli. Trovi un approfondimento sul nostro blog qui.
  • Realizzabile: fai un passo indietro ora che hai identificato i dettagli. Essere realistici riguardo al tuo obiettivo e tempo ti preparerà al successo e alla soddisfazione che deriva dal raggiungimento di ogni traguardo.
  • Pertinente: assicurati che l'obiettivo sia in linea con i tuoi valori e obiettivi a lungo termine.
  • In relazione al tempo: stabilire una data di scadenza o un periodo di tempo realistici può aiutare a motivarti e assicurarti di rimanere in pista.

4. Stabilisci una routine.
Stabilire una routine mattutina può portare ad una moltitudine di benefici per il tuo lavoro e il tuo benessere generale, tra cui riduzione dello stress, aumento della produttività e migliori capacità decisionali. Penso che dedicare qualche minuto all'inizio di ogni giornata per rivedere il tuo programma, valutare attività e priorità e fissare obiettivi per la giornata può preparare il terreno per una maggiore sicurezza, produttività e creatività.

Non finisce qui: trova le routine che funzionano per te. Potrebbe essere fare journaling, tenere un diario su sui scrivere la sera, per staccare la spina dai vari dispositivi e fare brainstorming su nuove idee (si sa che scrivere a mano aiuta a sviluppare le idee). Oppure dedicare davvero quel tempo alla lettura, anche poco, ogni giorno. O ancora potrebbe essere una passeggiata che aiuta ad ossigenare le idee.
Cerca di crearti uno spazio tuo, un tempo per te, in cui stare per sentirsi meno sopraffatti quando le liste di cose da fare si allungano e gli orari sono impegnativi.
Prova a seguire una nuova breve routine quotidiana per 2 settimane e vedi cosa può portare nella tua vita.

0 Commenti

Non ci cono commenti, posta il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.